Senza un’Europa federale basata su una Costituzione, una difesa comune è costruita sulle sabbie mobili

  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

by Mauro Casarotto |

La guerra in Ucraina sta rafforzando l’opinione pubblica sul fatto che l’Europa ha bisogno di una difesa comune. Le carenze ora diventano dolorosamente visibili, ma questa non è una novità. La necessità di una difesa comune europea è stata discussa spesso, con alti e bassi, a partire dalla fine della seconda guerra mondiale.

Fin dalla proposta iniziale, nel 1950, di istituire una Comunità Europea di Difesa, questa iniziativa – che alla fine fallì – era basata su accordi intergovernativi e quindi ancora gestita dai singoli Stati. In effetti, gli stati hanno mantenuto il controllo sovrano sui propri eserciti. All’interno di tale organizzazione intergovernativa basata su trattati, gli stati decidono quali forze ed equipaggiamenti devono essere assegnati al sistema comune e, naturalmente, quali forze ed equipaggiamenti rimangono a disposizione della difesa nazionale. Gli Stati decidono poi se impegnarsi o meno a rispettare questi accordi intergovernativi, qualora siamo chiamati a farlo. E nel caso di questi accordi, ogni Stato ha la propria politica estera. Un tale accordo nella situazione attuale significa quindi 27 politiche estere.

Come risultato inevitabile, la difesa e l’intelligence riusultano disconnesse da una politica/diplomazia estera coesa e coerente.

Senza una Federazione europea basata sulla costituzione che possa effettivamente formulare e attuare una politica estera transnazionale, una difesa europea è di fatto solo un’altra alleanza militare, un duplicato della NATO e dell’Europa che dipende ancora dagli Stati Uniti per la sua sicurezza e difesa.

Quindi, mantenendo un approccio basato sui trattati per una difesa europea comune, i politici stanno cercando consapevolmente di garantire la sicurezza dell’Europa con una forma di difesa europea destinata a un fallimento ancora più grande. Questa è mancanza di responsabilità e di coraggio.

Se non si decide un approccio federale, si commetterà lo stesso errore dell’introduzione dell’euro, dove sebbene alcuni stati europei (19 dei 27 membri dell’UE) condividano la stessa valuta, non esiste un bilancio federale e una strategia economica generale comune, come avviene nelle unioni federali come USA, Germania, Svizzera, Canada, Australia e altre.

Oggi l’Europa resta un blocco di mezzo miliardo di abitanti con bisogni e interessi comuni, una cultura e una storia fortemente interconnesse, un senso di unione ormai consolidato nelle giovani generazioni, ma in assenza di unità politica.

Il fatto che l’Europa non abbia un approccio federale alla politica estera e che manchi di una forza militare europea organizzata di conseguenza ha indubbiamente contribuito alla decisione di Putin di attaccare l’Ucraina. La storia recente ha mostrato con inconfutabile chiarezza quanto spesso la debolezza e l’impreparazione abbiano reso gli autocrati più aggressivi e disposti a rischiare. Come hanno scritto Leo Klinkers e Ingo Piepers nel precedente articolo pubblicato da Europe Today, ci sono molti parallelismi tra la situazione odierna e quella del 1938-1939.

La domanda ora è per quanto tempo dovremmo permettere che questa sfortunata situazione continui per l’Europa.

L’invasione della Russia ha creato una crisi sistemica in Europa: non è in gioco solo l’Ucraina, ma anche i nostri valori europei, il nostro sistema politico e la nostra strategia di sicurezza.

La creazione di una vera Federazione europea non solo aprirà la strada a una politica estera e di difesa europea urgente e alla sua attuazione, ma getterà anche le basi per una valuta euro con corrispondenti strumenti di politica federale, un approccio adeguato alla nuova crisi dei rifugiati, ma anche per un approccio efficace alla gestione dell’energia nucleare, dei cambiamenti climatici e di emergenze come pandemie e migrazioni.

Oggi ci sono minacce, rischi ma anche grandi opportunità. Una Federazione europea basata sulla costituzione è necessaria per essere in grado di affrontare queste minacce e sfruttare le opportunità.

La prospettiva dell’adesione dell’Ucraina a una Federazione europea offrirebbe una prospettiva alla popolazione ucraina; una prospettiva che può anche dare un contributo cruciale per porre fine a questa crisi sistemica, per un’Europa allargata e più sicura a lungo termine.

Senza una federazione europea basata sulla costituzione, non solo la nostra difesa comune è costruita sulle sabbie mobili, ma tutto il nostro futuro. La differenza decisiva tra un sistema intergovernativo debole come l’Unione Europea e un vero sistema federale sta nella sostituzione dello strumento dei trattati con una costituzione federale.

I continui sforzi dell’Alleanza Federale dei Federalisti Europei (FAEF), per scrivere ora una costituzione europea che costituisca la base per un’Europa Federale, è attualmente l’unico progetto europeo che mira a colmare questa lacuna insopportabile.

Dall’ottobre 2021, la Convenzione dei cittadini della FAEF lavora instancabilmente su una Costituzione federale per l’Europa composta da dieci articoli. Questa Convenzione è composta da cittadini europei altamente motivati ​​ed è supportata da esperti di diritto costituzionale.

La Convenzione dei Cittadini della FAEF ha quasi terminato il suo lavoro, ma il sostegno dei cittadini europei e della società civile è fondamentale per il successo di questo progetto estremamente importante per il futuro dell’Europa. Contiamo sul vostro supporto. Il passo successivo è la ratifica della Costituzione Federale Europea, ovviamente direttamente da parte dei cittadini europei. Dopotutto, l’Europa è anche vostra, e anche questo è sancito dalla Costituzione. Maggiori informazioni sulla Convenzione dei Cittadini della FAEF sono disponibili qui: https://www.faef.eu/en_gb/operation-fec/ .

 

Mauro Casarotto – General Manager Europe Today

Lascia un commento